Telecomunicazioni – Cambiamenti Climatici

ITU e il cambiamento climatico

L’importanza del lavoro dell'UIT o ITU (Agenzia dell’O.N.U. per le telecomunicazioni)  in generale e delle radiocomunicazioni Sector (ITU-R) in particolare, è stato evidenziato nel campo della focalizzazione cambiamenti climatici sull'uso delle ICT (diverse attrezzature e tecnologie radio e telecomunicazioni) per monitorare l' evoluzione del clima e del tempo, e per la previsione e il rilevamento di uragani, tifoni, tempeste, terremoti, tsunami, disastri causati dall'uomo, ecc., e quindi l’attenuazione dei loro effetti. Durante la sua visita alla sede ITU, il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon ha detto che "ITU è uno dei partner più importanti la lotta contro il cambiamento climatico ", che, secondo lui, è la" sfida morale della nostra generazione ". ITU collaborerà con le organizzazioni del sistema delle Nazioni Unite per unire le forze nella lotta contro i cambiamenti climatici e adottare misure per meglio comprendere il rapporto globale tra ICT e il cambiamento climatico.


ICT: tecnologie pulite

La Conferenza regionale delle radiocomunicazioni (RRC-09), alla quale hanno partecipato 120 paesi, ha messo a punto un nuovo piano per la radiodiffusione digitale (GE09 Plan), che prevede una riduzione significativa (quasi 10 volte) la potenza e il numero di emittenti (a causa della possibilità di trasmissione di programmi televisivi e canali audio).

Questi paesi con circa 100.000 trasmettitori consumano ciascuno fino a 100 o 150 kW, e che operano per lo più 24 ore 24, il risparmio energetico sarà sostanziale! Lo studio 5 del ITU-R ha sviluppato Volume 4 "Sistemi di trasporto intelligenti" Handbook ITU-R di comunicazione a base di mobili (incluso l'accesso wireless), che descrive l'uso tecnologie radio per ridurre le distanze ei costi di trasporto e gli effetti positivi per l'ambiente, così come l'uso di auto come strumenti per il monitoraggio ambientale per misurare la temperatura dell'aria, l'umidità e dati di precipitazione ottenuti vengono inviati tramite collegamenti radio e utilizzato per le previsioni meteorologiche e di monitoraggio del clima.

 

Monitoraggio dell’evoluzione dei cambiamenti climatici
La Conferenza mondiale delle radiocomunicazioni (WRC) analizza le esigenze di spettro e l’assegnazione delle frequenze radio per i sistemi e le applicazioni radio che vengono utilizzati nel monitoraggio dell'ambiente e del clima, tra cui le previsioni meteorologiche, la previsione e la rilevamento delle catastrofi naturali e attenuandone gli effetti. La commissione di studio di ITU-R Gruppi di radiocomunicazioni (per le decisioni) e la Conferenza mondiale delle radiocomunicazioni, attraverso i loro protocolli forniscono il supporto necessario per lo sviluppo e l’assistenza dei sistemi operativi utilizzati per il monitoraggio del clima, previsioni meteorologiche, la previsione e la rilevazione e le operazioni in caso di catastrofe in catastrofe, ad esempio:

- Satelliti meteorologici che tengono traccia dei progressi degli uragani e tifoni e radar meteo che traccia lo stato di avanzamento dei tornado e tempeste e degli effluenti vulcanici e gli incendi boschivi di grandi dimensioni;
- Sistemi di servizio in aiuti meteorologiche utilizzando radio per raccogliere ed elaborare i dati meteorologici;
- Sistemi radio diversi (satellitare e terrestre) utilizzati per la diffusione di informazioni sulle varie naturale o artificiale;
- La CMR-07 e l'Assemblea delle radiocomunicazioni (RA-07) ha già adottato una serie di risoluzioni sul telerilevamento, che è un elemento essenziale per lo studio dei cambiamenti climatici;
- Le raccomandazioni delle commissioni di studio dell’'ITU-R sui sistemi e sulle applicazioni utilizzate in servizi di radiocomunicazione dalla esplorazione della Terra via satellite, meteorologico aiuti e satellite meteorologico, forniscono oggi la maggior parte dei dati per Sistema globale di osservazione (SMO) e il sistema Global Climate Observing (SMOC).

- La Commisione di Studio 7 del ITU-R (servizi scientifici) in collaborazione con l'Organizzazione Meteorologica Mondiale ha preparato un manuale, l’ OMM / ITU "uso dello spettro radio per la meteorologia," che fornisce le informazioni sullo sviluppo e il corretto utilizzo di sistemi e tecnologie per l'osservazione radio dell'ambiente, monitoraggio del clima, le previsioni meteorologiche, la previsione e l'individuazione di naturale o artificiale e la attenuazione dei loro effetti.

Applicazione

La Conferenza mondiale delle radiocomunicazioni del 2007 (WRC-07)

- Ha analizzato i risultati del ITU-R e le proposte degli Stati membri della ITU e ha stanziato frequenze supplementari per i sistemi di radiocomunicazione utilizzati nel monitoraggio del clima, la previsione e la rilevazione e in caso di catastrofe disastro;

- Ha invitato l’ITU a condurre studi sulla evoluzione di questi sistemi;

- Ha adottato la risoluzione 647 (WRC-07) "Linee guida per la gestione dello spettro radio per le comunicazioni radio e aiuto umanitario di emergenza per il disastro", in cui si chiede il BR di creare una banca dati frequenze attualmente utilizzate in situazioni di emergenza, le frequenze non si limitano a quelli elencati nella Risoluzione 646 (WRC-03);

In questa risoluzione, la WRC-07 invita le amministrazioni per fornire informazioni aggiornate rilevanti per le loro assegnazioni di frequenze a livello nazionale e le pratiche di gestione dello spettro per la radio e di emergenza in caso di catastrofe.

L’ Assemblea delle radiocomunicazioni 2007 (RA-07)
- Ha deliberato la risoluzione ITU-R 53 e 55 in cui si sono incaricati tutti i gruppi di studio della ITU-R a effettuare studi per l'uso della radio per la previsione e la rilevazione e l’attenuazione dei loro  effetti, nonché per gli interventi e le operazioni di soccorso in caso di disastro.

Prevenzione

Molto spesso, quando una infrastruttura di telecomunicazioni "wired" è significativamente o completamente distrutta da un disastro, solo i servizi di radiocomunicazione possono essere utilizzati per operazioni di soccorso (in particolare, i sistemi satellitari e sistemi di dilettanti).

Gruppi di Studio dell’ ITU-R hanno sviluppato le raccomandazioni, i rapporti e i manuali per l'uso della radio per attenuare gli effetti negativi dei cambiamenti climatici e delle catastrofi naturali o disastri provocati dall'uomo. La prevenzione degli effetti negativi dei cambiamenti climatici è un altro importante settore di attività del Settore delle radiocomunicazioni dell'UIT o ITU.

Articoli Correlati

ETSI
views 24
La European Telecommunications Standards Institute ( ETSI ) è un'organizzazione indipendente, senza fini di lucro, fissa la standardizzazione e organizzazione nel telecomunicazioni settore (produttori...
Interoperabilità dei sistemi
views 30
L’interoperabilità può essere intesa come lo scambio di informazioni tra utenti conseguente ad una capacità dei terminali e delle reti di diversi fabbricanti di collegarsi e di svolgere operazioni coo...
Il GPS
views 28
GLOBAL POSITIONING SYSTEM Sistema di rilevamento satellitare della posizione   Il sistema G.P.S., avviato dagli U.S.A. a partire dagli anni ‘70, e completato nel 1993, è stato realizzato per m...
Satellite – La trasmissione dei dati
views 29
A cura di Aldo Leonardi 1.  Introduzione I servizi di trasmissione dati che fanno uso del satellite come mezzo trasmissivo, negli ultimi anni si stanno diffondendo sempre più. Ciò è dovuto al fatto ...
RFID: Identificazione radiofrequenza
views 23
La storia. Chi definisce l' RFID una "nuova" tecnologia wireless, è molto probabile che non ne conosca la storia. Di fatto, i primi dispositivi RFID, cioè sistemi che consentono via radio di trasmet...
TETRA – Radiocomunicazioni mobili profession...
views 23
I sistemi di radiocomunicazione mobile professionale   Il TETRA è un insieme di standard per sistemi di telecomunicazione privati (Professional Mobile Radio) PMR, indirizzato ad una utenza profession...
LTE Advanced dopo il WiMAX
views 22
In telecomunicazioni l'LTE, acronimo di Long Term Evolution, o anche Super 3G, è la più recente evoluzione degli standard di telefonia mobile cellulare GSM/UMTS, CDMA2000 e TD-SCDMA. Nasce come nuova...
Le Reti Metropolitane
views 25
Reti Metropolitane, da Reti di connessione a Reti di servizi Premessa Nel 2011 è partita nel mondo la diffusione del sistema wireless a larga banda detto Lte (Long Term Evolution). È un sistema di ...
Crittografia nelle telecomunicazioni
views 26
La crittografia Con lo sviluppo delle reti e dei servizi di telecomunicazioni, la crittografia ha assunto un importantissimo ruolo nelle comunicazioni governative, specie diplomatiche e militari e, s...
Telecomunicazioni
views 523
LA BANDA LARGA IN ITALIA A cura di Aldo Leonardi L’Italia corre verso gli standard europei Stando al rapporto di Agcom sullo stato delle reti italiane a banda larga, il nostro Paese è riuscito ...